You are here: Sanità Sanità Privata SEUS UN ALTRO PASSO AVANTI PER LA DEFINIZIONE DELLA GRADUATORIA GENERALE

SEUS UN ALTRO PASSO AVANTI PER LA DEFINIZIONE DELLA GRADUATORIA GENERALE

E-mail Stampa PDF
Caterina Tusa

Si è tenuto ieri pomeriggio l’incontro tra le OO.SS. firmatarie del contratto AIOP ed i vertici della SEUS per la definizione dell’accordo sui criteri da utilizzare per la redazione della graduatoria generale.


Già il 28 marzo u.s. le scriventi avevano congiuntamente proposto all’Azienda un accordo di massima con l’individuazione dei sottostanti criteri classificati con ordine di progressività:
1. carico familiare con un punteggio diversificato in base all’età anagrafica; 
2. anzianità di servizio a tempo indeterminato in SISE;
3. anzianità a tempo determinato in ambito SUES;
4. assegnazione delle sede definitiva nella provincia di residenza;
5. aggiornamento del confronto per le assegnazioni fuori provincia di residenza;
6. garanzia delle tutele previste per legge (es. legge 104/92).
L’Azienda aveva accolto la proposta e si era impegnata a produrre un parere legale circa l’utilizzabilità dell’esperienza maturata a tempo determinato (sub 3.) ed a formulare una proposta sui pesi da attribuire alle singole componenti dei criteri.
L’incontro odierno, di prosecuzione del precedente, si è essenzialmente caratterizzato per gli approfondimenti sul tempo determinato e sui pesi.
La SEUS ha dato mera lettura della “bozza” del parere legale elaborato dall’Avv. Marrazza (senza, quindi, consegnane copia alle OO.SS., benché espressamente richiesto).
Comunque dalla lettura di detto parere sarebbe emerso che l’incompletezza, l’incongruenza e/o le anomalie presenti in alcuni certificati di servizio renderebbero gli stessi inutilizzabili ai fini della redazione della graduatoria generale la quale, a parere del legale, risulterebbe impugnabile nella parte relativa all’utilizzo del criterio dell’anzianità di servizio a tempo determinato nel SUES.
Le OO.SS. presenti congiuntamente hanno evidenziato l’importanza di considerare tra i criteri anche tale tipo di servizio ed hanno, quindi, suggerito di superare l’ostacolo dei certificati inidonei attraverso la concessione di un periodo di proroga di dieci (10) giorni per la consegna dei certificati corretti o della eventuale documentazione di supporto da parte dei lavoratori.
In esito a tale richiesta l’Azienda, dal canto suo, provvederà a notificare, mediante pubblicazione sul sito, l’elenco nominativo ed il termine ultimo per la presentazione dei certificati di servizio “corretti”. Qualora dovessero permanere dette anomalie o dovesse trascorrere infruttuosamente il termine previsto, l’Azienda non valuterà il periodo di lavoro a tempo determinato non adeguatamente attestato dal lavoratore.
Il Dott. Vinciguerra ha preso atto della unitaria posizione sindacale ed ha rappresentato la necessità che, nel caso in cui valutasse positivamente l’applicabilità pratica della proposta, di cui si è impegnato a darne riscontro entro il 26 aprile p.v., di posticipare la data della graduatoria generale al 15 maggio p.v..
Nelle more della decisione aziendale, si è proceduto ad approfondire l’aspetto dei pesi da attribuire ai vari criteri. La SEUS ha prodotto e descritto sette (7) ipotesi di lavoro ed ha presentato dettagliatamente l’ipotesi più equilibrata che potrebbe consentire la migliore distribuzione complessiva dei punteggi sulla base delle caratteristiche dei lavoratori.

L’ipotesi prevede:
l’attribuzione di un (1) punto per ogni mese di lavoro a tempo indeterminato;
l’attribuzione di punteggi differenziati per carico familiare ( il carico familiare verrà computato alla data del 31 marzo 2011 in quanto periodo  più recente con dati aggiornati) come dalla sottostante tabella:
Punti per carico
31/03/2011
Punti
Figlio cat 1
Inferiore a tre (3) anni
5,0
Figlio cat 2
Inferiore a otto (8) anni
4,0
Figlio cat 3
Inferiore a  diciotto (18) anni
3,0
Figlio cat 4
Oltre diciotto (18) anni
2,0
Coniuge

1,0
Altro parente

0,5
Figlio disabile

7,0
in caso di ex equo si farà riferimento all’età anagrafica favorendo, secondo quanto previsto dalle norme vigenti per il pubblico impiego, il più giovane.
L’accordo complessivo, composto dagli aspetti già definiti lo scorso 28 marzo e dai pesi sopra specificati, resta subordinato alla positiva definizione del criterio del tempo determinato sia rispetto alla computabilità delle stesso che avendo riguardo al peso da attribuire ad esso.
Nel corso dell’incontro si è discusso, altresì, di postazioni disagiate e di ferie 2011.
Riguardo alle Sedi disagiate, per come successivamente verranno individuate, è stato proposto dall’Azienda:
postazioni H12; per esse si prevedono da dodici (12) ore ciascuno.
postazioni con particolare allocazione geografica (aree montane o con difficoltà di raggiungimento e numero giornaliero di interventi inferiore a tre); per esse si prevede la possibilità di programmare turni da 24 ore ciascuno.
Fino alla stesura degli accordi integrativi aziendali non sono previste, per il personale dedicato a tale tipo di postazione, indennità o riconoscimenti.
Rispetto alle proposte avanzate dall’Azienda per le postazioni disagiate e preso atto delle perplessità espresse dalle OO.SS., si è quindi convenuto di subordinare l’attuazione della turnazione per dette postazioni, all’acquisizione del riscontro ad apposito atto di interpello proposto dall’Azienda al competente ispettorato del Lavoro.
Riguardo alle ferie 2011 è stato convenuto quanto segue:
il periodo estivo è individuato nell’arco temporale 21 giugno – 21 settembre;
fruizione del residuo ferie 2010 e di una settimana 2011 entro il 30/05/2011;
fruizione di due settimane consecutive nel periodo estivo;
fruizione di due settimane, anche non consecutive, dall’1/10/2011 AL 31/12/2011;
il resto, a disposizione del dipendente su sua richiesta, anche a giorni singoli.

Vi terremo prontamente informati sugli ulteriori sviluppi in materia di graduatoria generale.
Si trasmette, in allegato, il testo del verbale comprensivo dell’accordo.
Palermo, 21 aprile 2011
p. la Segreteria Regionale FP CGIL             Caterina Tusa
p. la Segreteria Regionale CISL FP            Roberta La Rocca
p. la Segreteria Regionale UIL FPL            Claudio Marsiglia

 

 

Scarica il verbale della riunione