You are here: Igiene Ambientale Accordi Regionali RIFIUTI. FIRMATO L’ACCORDO QUADRO REGIONALE PER IL PASSAGGIO DEL PERSONALE DAGLI ATO ALLE SRR. FP CGIL: “SALVAGUARDATA OCCUPAZIONE E QUALITA’ DEI SERVIZI. UN TAVOLO TECNICO PERMANENTE VIGILERA’ SULL’APPLICAZIONE DI QUANTO STABILITO”.

RIFIUTI. FIRMATO L’ACCORDO QUADRO REGIONALE PER IL PASSAGGIO DEL PERSONALE DAGLI ATO ALLE SRR. FP CGIL: “SALVAGUARDATA OCCUPAZIONE E QUALITA’ DEI SERVIZI. UN TAVOLO TECNICO PERMANENTE VIGILERA’ SULL’APPLICAZIONE DI QUANTO STABILITO”.

E-mail Stampa PDF

Palermo, 7 agosto 2013. E’ stato firmato nel pomeriggio di ieri, 6 agosto, l’Accordo Quadro Regionale per la regolamentazione del passaggio del personale degli ATO rifiuti in liquidazione alle costituende SRR.


La firma a seguito di un confronto serrato, nel quale le parti in causa, Governo Regionale e Parti Sociali, hanno condiviso la necessità di pervenire ad un accordo che individui in maniera certa il personale che, oltre ad andare a formare la dotazione organica delle nuove Società, potrà essere utilizzato dai soggetti gestori del servizio.
Oltre al personale in possesso dei requisiti previsti dalla legge regionale n. 9/2010, per il raggiungimento dell’obiettivo comune della salvaguardia dei livelli occupazionali, è stato previsto un punto specifico dell’accordo che individua nel personale in servizio alla data del 31/12/2012 quello che andrà a costituire il “bacino temporaneo”, dal quale, i soggetti gestori o affidatari del servizio, dovranno obbligatoriamente attingere per le esigenze di organico derivanti dai nuovi piani di intervento.
“Con la firma di questo accordo – dicono il segretario generale di Fp Cgil Sicilia, Michele Palazzotto e Claudio Di Marco della segreteria regionale - è stato raggiunto un importante risultato che pone dei punti fermi sui quali impegna, non solo le parti firmatarie dell’accordo, ma anche i Sindaci e le parti datoriali sulla salvaguardia del personale e comportamenti improntati al rispetto delle regole. Fatto quest’ultimo non del tutto scontato in questa fase transitoria, nella quale abbiamo dovuto registrare situazioni che hanno causato non pochi problemi in alcuni territori”. 
Prevista nell’accordo, anche l’istituzione di un tavolo tecnico permanente, composto da rappresentanti della Regione, dell’ANCI e delle organizzazioni sindacali dei lavoratori e datoriali, che per ogni singolo bacino territoriale, vigili sulla corretta applicazione dei principi contenuti nell’accordo quadro regionale.
“Complessivamente – concludono Palazzotto e Di Marco - esprimiamo soddisfazione per quanto sottoscritto e in maniera particolare per il clima instauratosi nei rapporti con il Governo e con le associazioni datoriali, presenti al tavolo di trattativa. Per tutti l’obiettivo è quello di un servizio più efficiente in favore dell’intera collettività regionale”.

 

Scarica l'accordo