You are here: Regione Politica Regionale Comunicato Stampa FpCgil-CislFp-UilFpl

Comunicato Stampa FpCgil-CislFp-UilFpl

E-mail Stampa PDF
fpcgilcisluil.jpg - 4.08 Kb

SALTA L’INCONTRO CON IL GOVERNO REGIONALE SUI TAGLI IN FINANZIARIA, FP CGIL – CISL FP – UIL FPL: “RISPOSTE SUBITO O SARA’ MOBILITAZIONE”.

Palermo, 17 febbraio 2014

Salta di qualche giorno il previsto incontro fra FP CGIL – CISL FP – UIL FPL ed il Presidente della Regione con l’Assessore all’Economia Bianchi, promosso da quest’ultimo il 4 febbraio nel corso della manifestazione confederale contro i tagli al sistema pubblico siciliano. Da fonti della Presidenza della Regione giunge notizia che fra due o tre giorni al massimo arriverà la convocazione.Ma non è solo lo slittamento di qualche giorno a preoccupare FP CGIL – CISL FP – UIL FPL; piuttosto, sono le ultime dichiarazioni del responsabile dell’Economia il quale, in relazione alla manovra aggiuntiva, ha dichiarato che “ancora il governo regionale non è in grado di fare una stima delle risorse effettivamente liberabili perché saranno il frutto di un dialogo che dovrà proseguire col governo nazionale e col Commissario dello Stato.L’Assessore, poi, rincara la dose e avverte che non sarà certamente possibile liberare tutte quelle somme e saremo costretti a fare delle scelte”: secondo FP CGIL – CISL FP – UIL FPL il rischio è che le scelte possano essere fatte sulla pelle dei tanti lavoratori del pubblico impiego siciliano che già hanno pesantemente contribuito al risanamento delle casse pubbliche.I lavoratori della Regione e degli enti, dei Comuni, delle Province e delle partecipate aspettano risposte adeguate che diano garanzie sul loro futuro lavorativo e retributivo: già adesso molti enti non sono in condizione di garantire il regolare pagamento degli stipendi e la prosecuzione delle attività.FP CGIL – CISL FP – UIL FPL  ribadiscono l’urgenza al Governo regionale di procedere senza indugio ad un confronto sulle priorità da affrontare per la salvaguardia del pubblico impiego siciliano e mantengono lo stato di agitazione del personale che, in assenza di risposte entro le prossime 48 ore, si trasformerà in azioni di lotta più incisive.