You are here: Mercato del Lavoro Comunicati

Comunicati

Precari: Continua lo stato di agitazione

E-mail Stampa PDF

fpcgilcisluil.jpg - 4.08 Kb

CGIL, CISL E UIL: "BASTA PROMESSE SERVONO RISPOSTE CHIARE E DEFINITIVE". RINNOVATO LO STATO DI AGITAZIONE. DA LUNEDI' ASSEMBLEE DI UN'ORA IN TUTTI I LUOGHI DI LAVORO.

Palermo, 13 dicembre 2013.

La grande mobilitazione di oggi dei lavoratori precari delle pubbliche amministrazioni siciliane ha dimostrato la determinazione di CGIL - CISL - UIL nel chiedere ai governi nazionale e regionale una risposta chiara e definitiva per prorogare e stabilizzare definitivamente i rapporti di lavoro precari", lo dicono i segretari generali Michele Palazzotto (Fp Cgil Sicilia), Luigi Caracausi (Cisl Fp) e Enzo Tango (Uil Fpl). "Abbiamo rappresentato al presidente della Regione - dicono in una nota - la gravità di una situazione che é vincolata ad una serie di condizioni ancora da realizzarsi e che impongono l'assunzione di responsabilità politica tanto a Roma quanto a Palermo".
Nel corso dell'incontro svoltosi in tarda mattinata a palazzo d'Orleans, mentre fuori migliaia di lavoratori continuavano a manifestare, Crocetta ha comunicato ai sindacati di aver concordato con il governo nazionale un emendamento al ddl di stabilità nazionale che supererebbe i vincoli normativi e finanziari per consentire le proroghe a tutti i precari siciliani. Al contempo deve continuare l'iter di approvazione del ddl regionale all'Ars in concomitanza con l'approvazione dei documenti finanziari regionali.
"Solo la realizzazione di queste ipotesi
legge - sostengono i sindacati -può garantire maggiore serenità ai lavoratori, quanto meno per ciò che riguarda le proroghe, ma si devono realizzare le condizioni politiche favorevoli diversamente da quanto è avvenuto all'atto dell'approvazione del decreto legge 101 dove sia il governo nazionale che gran parte della deputazione siciliana sono stati colpevolmente disattenti".Per questo motivo, CGIL - CISL - UIL hanno chiesto a Crocetta di "farsi carico di un'intesa politica con il governo nazionale per ottenere l'approvazione della norma necessaria a garantire un futuro più sereno ai lavoratori".Allo stato attuale delle cose, CGIL - CISL - UIL, uscendo fuori dalla Presidenza e parlando ai lavoratori, hanno confermato il proseguimento dello stato di agitazione per tenere alta l'attenzione sulla vertenza e mettere in atto tutti gli strumenti di pressione possibile sia a Roma che a Palermo per ottenere che i percorsi legislativi arrivino a compimento. A partire da lunedì sono previste "assemblee in tutti i posti di lavoro di un'ora" fino a quando non ci saranno chiari segnali che la norma venga approvata; diversamente, verranno intraprese forme di lotta più incisive per garantire i diritti dei lavoratori.

 

 

Elezioni RSU: Grande Affermazione della Fp Cgil Sicilia

E-mail Stampa PDF

La Fp Cgil si conferma il primo sindacato nel lavoro pubblico in Italia e avanza anche in Sicilia. I lavoratori della Pubblica Amministrazione con il loro voto hanno dato fiducia all’impegno e alle lotte di questi anni, per salvaguardare il lavoro pubblico e la professionalità dei lavoratori.

Chiusura campagna elettorale RSU

E-mail Stampa PDF

Fp Cgil Sicilia e Flc Cgil. Dall’isola in mille l’8 ottobre a Roma per la manifestazione nazionale

E-mail Stampa PDF

Palermo, 4 ottobre 2011. Una nuova “spedizione dei Mille”, dalla Sicilia a Roma, per rivendicare i diritti dei Lavoratori pubblici e della Conoscenza. Anche Fp Cgil Sicilia e Flc Cgil Sicilia parteciperanno alla manifestazione nazionale della Cgil che il prossimo 8 ottobre vedrà scendere in piazza dipendenti pubblici e insegnanti contro la politica dei tagli del Governo nazionale.

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »

Pagina 1 di 3